Concorsi Marina

La preparazione ai concorsi della marina militare prevede una prima fase conoscitiva da effettuarsi in sede (ove non ci fosse la possibilità di farlo in sede verrà permesso l’utilizzo di un apposito modulo da compilare online), durante la quale verranno recepite le informazione necessarie per strutturare un adeguato percorso di formazione, articolato alla persona e finalizzato al raggiungimento dell’obiettivo prefissato.

A quale concorso, per la carriera nella marina militare, posso partecipare?

Quali sono i prerequisiti che devo avere?

  • Accademia Marina Militare

    Età 17-22 anni non compiuti, Titolo si studio minimo Diploma di istr. sec. di II grado conseguito o da conseguire nell'anno scol. di riferimento del bando di concorso     Corpo di Stato Maggiore: vizio di rifrazione non sup. alle 1.75 diottrie per la miopia. Altri Corpi: il vizio di rifrazione non dovrà superare le tre diottrie per la miopia
  • Maresciallo Marina Militare

    Età 17-26 anninon compiuti elevabile ai 28 anni per chi ha prestato servizio militare, Titolo di studio minimo    Diploma di istr. sec. di II grado conseguito o da conseguire nell'anno scol. di riferimento del bando di concorso, Visus non inferiore a 16/10 complessivi e non inferiore a 7/10 nell'occhio che vede di meno, raggiungibile con correzione non superiore a 3 diottrie
  • Allievo Ufficiale in Ferma Prefissata (AUFP) Marina Militare

    Età 18-38 anni non compiuti,  RUOLO NORMALE: Laurea Specialistica o laurea Magistrale tra quelle indicate nel bando di concorso. RUOLO SPECIALE: Diploma di istruzione secondaria di secondo grado, Visus corretto 10/10 in ciascun occhio dopo aver corretto con lenti ben tollerate il vizio di rifrazione che non dovrà superare 1.75 diottrie per la miopia

 

Catalogo Corsi

Contatti

  • Via R. Orsini n.36
    73010  Soleto (Le)
  • Tel. 0836 667790
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

L'Istituto SEREM

La SEREM è una piattaforma aperta per la formazione e le buone pratiche, che mira a sviluppare quel patrimonio di competenze specialistiche, che permettono il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Formazione, quindi, che punta a qualificare persone che difficilmente avrebbero possibilità di farlo in autonomia e che siano in grado di affrontare con la necessaria tranquillità qualsiasi prova concorsuale.

Segui sempre le ultime notizie dalla nostra pagina Facebook

Chi è online

Abbiamo 22 visitatori e nessun utente online

Iscriviti alla nostra Newsletter

Antispam